Non a caso in Campo

Cosa è successo giovedì 26 settembre in campo San Giacomo a Venezia?
Un’orda di bambini e di fuorilegge si è unita con Malmadur in un flashmob: Game over.
Una performance per mostrare come una città in cui non si permetta il gioco, si trasformi in un parco giochi in cui l’unico gioco concesso è quello del turista che consuma.

“Il gioco è un momento serio. Si gioca per dimostrare che il campo è uno spazio vitale e politico, non solo il terreno per l’ennesimo plateatico.

Impedire il gioco a chi ha più di undici anni (come da nuovo regolamento comunale) è il segno di una volontà precisa: prosciugare sempre di più la vita della città. La si condanna a essere un parco giochi, in cui l’unico gioco concesso è quello del turista che consuma”

E così: per scaldarsi, il gioco del mimo per contrastare il chiacchericcio in calle che fa rischiare la chiusura dei locali dove si susseguono specialità fintamente autentiche di una città sempre più omologata a tutte le altre; un faticosissimo gioca jouer tra selfie stick, grandi navi, adii ai celibati e captain Candy e per finire… 1, 2, 3 multa: in cui solo la posa da turista ti può salvare dall’eliminazione.

Vince la squadra blu. Per un giorno vince la città!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...